green pass super viaggiare
Home - Covid-19 - Senza vaccino, da oggi non si viaggia

Senza vaccino, da oggi non si viaggia

Dal 10 gennaio su treni e aerei, ma anche per soggiornare negli hotel, diventa obbligatorio il super green pass

di Paolo Ribichini

Viaggiare in Italia senza il vaccino anti-Covid è ora quasi impossibile. Da oggi (10 gennaio), infatti, sono scattate le nuove regole che interessano anche i turisti. Vediamo quindi che cosa cambia e quali servizi rivolti (anche) ai turisti non saranno più disponibili senza green pass.

Senza green pass base

Senza green pass base (che si ottiene con il tampone rapido o molecolare, oltre che con vaccinazione o negativizzazione dopo la malattia), i turisti non possono più accedere, tra le altre cose, a negozi e centri commerciali.

Photo by Lukas Souza on Unsplash

Senza green pass rafforzato (o super green pass)

Da oggi, poi, il green pass rafforzato (cioè quello che si ottiene con il vaccino o con la negativizzazione) diventa obbligatorio per utilizzare qualsiasi mezzo pubblico. Quindi per viaggiare in treno, in nave, in bus, in metropolitana o in aereo il tampone non è più sufficiente. Fanno eccezione i collegamenti per le isole, dove è sufficiente il green pass base ma solo per motivi di studio e di salute che giustifichino lo spostamento. Il “rafforzato” diventa obbligatorio anche per soggiornare in hotel o bed & breakfast, ma anche per accedere a terme, musei, mostre, sagre, cinema, teatri e parchi divertimento. Cambiano le regole anche per gli impianti di risalita sulle piste da sci. Se fino ad ora quest’inverno è stato possibile sciare anche con il solo tampone (ad eccezione delle zone arancioni), ora il green pass rafforzato diventa obbligatorio sugli impianti di tutto il territorio nazionale. Una nuova regola che si lega alle novità del 2022 per gli amanti dello sci.

Ti potrebbe interessare anche...