Home - Covid-19 - Covid, dal 1° maggio via mascherine e green pass

Covid, dal 1° maggio via mascherine e green pass

Il certificato verde rimane obbligatorio per viaggiare all'estero. Ffp2 sui mezzi di trasporto

di Paolo Ribichini
Pubblicato: Ultimo aggiornamento:

Da domenica 1° maggio cambiano le regole Covid. Sul territorio italiano non verrà più richiesto il green pass se non per accedere a ospedali e Rsa. Rimangono le mascherine solo sui mezzi di trasporto. Il turismo interno, quindi, non avrà più alcun tipo di restrizione.

→→ A Londra non ci sono più restrizioni ←←

Dove non servirà più il green pass?

Non sarà più necessario esibire il green pass su treni, aerei, traghetti, bus; in bar, ristoranti, hotel, oltre che in discoteche, convegni, teatri, cinema, feste, concerti e cerimonie.

viaggiare green pass mascherine
Photo by Mat Napo on Unsplash

Quando è richiesto il green pass?

Per i turisti il green pass continuerà a essere richiesto per raggiungere i paesi europei (ma le regole potrebbero differire tra paese e paese) e per far ritorno in Italia dall’estero, almeno fino al 31 maggio. In entrambi i casi sarà sufficiente il green pass base, cioè quello ottenuto anche attraverso il tampone.

E le mascherine?

Decade l’obbligo di indossarla in gran parte dei contesti. Non è più necessaria in negozi, centri commerciali, mercati coperti, supermercati, ristoranti, bar, musei e in tutti gli altri esercizi commerciali.

viaggiare green pass mascherine tampone
Photo by Medakit Ltd on Unsplash

Dove rimane obbligatoria la mascherina?

La mascherina rimane obbligatoria almeno fino al 15 giugno su tutti i mezzi di trasporto pubblico sia locali che a lunga percorrenza. Quindi rimane obbligatorio indossarla su treni, aerei, traghetti, bus, metropolitane, tram. Rimane l’obbligo al cinema, nei teatri al chiuso, durante i concerti indoor e nei palazzetti dello sport. Sono ammesse dalla legge solo le mascherine FFP2 e FFP3.

Booking.com

Ti potrebbe interessare anche...