mascherine in aereo
Home - Covid-19 - Addio mascherine sugli aerei, così cambiano le regole Covid

Addio mascherine sugli aerei, così cambiano le regole Covid

Rimane l'obbligo per tutta l'estate su treni e bus

di Paolo Ribichini

Cambiano ancora le regole Covid per i viaggi in Italia. Dal 15 giugno decade l’obbligo di mascherine in aereo, oltre che nei cinema e nei teatri. Rimane l’obbligo di indossare la protezione sul viso, però, ancora su treni e bus, sia sui mezzi pubblici locali che su quelli nazionali o regionali.

Cosa cambia per chi vola?

Dal 15 giugno non c’è più obbligo di indossare la mascherina per i voli nazionali. Per i voli in Europa l’obbligo dovrebbe permanere sui vettori che vanno o tornano da paesi dove vige ancora la restrizione sui mezzi di trasporto, ma già da alcune settimane diverse compagnie aeree non lo fanno rispettare. Vi consigliamo, comunque, vista la risalita dei contagi di questi ultimi giorni, di continuare a indossarla, visti gli spazi ristretti e affollati in cui si viaggia.

E se viaggio in treno o in bus?

L’obbligo di mascherina FFP2 su treni e bus è stato esteso dal 15 giugno al 30 settembre. Quindi che si viaggi su un treno regionale verso le spiagge o su un treno ad alta velocità tra città diverse, la mascherina va indossata per tutta l’estate.

mascherine in aereo
Photo by L.Filipe C.Sousa on Unsplash

E sui mezzi pubblici locali?

L’obbligo di indossare la mascherina FFP2 è stato esteso anche per chi viaggia su mezzi pubblici locali come metro, bus e tram. Oltre che sui taxi.

Cosa cambia per cinema e teatri?

Per chi vuole vedere un film al cinema o uno spettacolo al teatro non è più obbligato a indossare la mascherina sia all’aperto che al chiuso.

Greenpass e Locator Form

Il green pass e il locator form sono stati aboliti per i viaggiatori. Quindi ci si sposta su treni e aerei senza dover mostrare la certificazione verde e si può rientrare in Italia senza dover compilare il locator form. Se decidi di viaggiare in Europa, puoi varcare i confini senza green pass, mentre al di fuori della Ue alcuni paesi chiedono ancora la certificazione verde (come gli Usa) e talvolta il tampone negativo in aggiunta al vaccino.

Ti potrebbe interessare anche...