cervino autunno

Autunno in Valle d’Aosta, il sapore autentico della montagna

di Redazione

Il giallo e rosso delle foglie. L’azzurro intenso del cielo macchiato da nuvole nere. La montagna in autunno è un esplosione di colori e di sensazioni forti. Il vento più freddo, la pioggia e l’odore del caminetto. Il silenzio. Una delle zone più affascinanti dove vivere la montagna a settembre è certamente la Valle d’Aosta.

Rosso foliage

I colori, abbiamo detto. Laghi, foreste, parchi e anche intere vallate offrono scorci che sembrano dipinti. Come quadri degli impressionisti, tolgono il fiato. Tra gli angoli più suggestivi dove godere del foliage più bello c’è la Val Ferret e il lago d’Arpy, ai piedi del Monte Bianco, i boschi della Valsavarenche nel Parco Nazionale del Gran Paradiso. Oppure i boschi di Saint-Barthélemy, frazione del comune di Nus. Da non perdere poi una passeggiata dal lago di Place Moulin al rifugio Prarayer a Bionaz o tra le faggete di Fontainemore. E se ami i laghi non perderti il paesaggio che si disegna tra i laghi di Frudière e quelli del Parco naturale del Mont Avic.

Photo by Pietro Schellino on Unsplash

Tra filari e vino

Poi settembre è tempo di vendemmia. Mentre tra i filari più alti d’Europa gli agricoltori si rimboccano le maniche per raccogliere i grappoli, puoi scoprire i segreti delle aziende vinicole valdostane tra musica, trekking e degustazioni. I vini, qui, sono riuniti sotto un’unica Denominazione di Origine Controllata Valle d’Aosta – Vallée d’Aoste, declinata in sette sottodenominazioni di area (il Blanc de Morgex et de la Salle, l’Enfer d’Arvier, il Torrette, il Nus, il Chambave, l’Arnad-Montjovet e il Donnas) e 15 di vitigno (Chardonnay, Cornalin, Fumin, Gamay, Mayolet, Merlot, Müller Thurgau, Nebbiolo, Petite Arvine, Petit Rouge, Pinot Blanc, Pinot Gris, Pinot Noir, Prëmetta e Syrah).

Francigena aosta
Lungo la via Francigena | Foto di Sergio Cerrato – Italia da Pixabay

I cammini nella storia

Camminare nel silenzio. E ritrovare se stessi. In Valle d’Aosta, oltre agli innumerevoli percorsi da trekking che ti permettono di fare un vero e proprio tuffo nel verde e nella natura incontaminata, ci sono due cammini storici. Oltre al Cammino Balteo, il più importante è la Via Francigena, un tracciato percorso dai pellegrini sin dal IX secolo. La Francigena collega la località inglese di Canterbury con Roma e fu descritta per la prima volta da Sigerico, arcivescovo di Canterbury, durante il suo ritorno in Gran Bretagna dall’Italia. Nel territorio valdostano le tappe della Via Francigena sono cinque: dal Colle del Gran San Bernardo, luogo mistico e denso di storia che segna l’ingresso in Italia, si scende verso Aosta e da qui verso Châtillon, Verrès e Pont-Saint-Martin. Lungo questo cammino puoi immergerti in scenari incredibili, costellati da castelli, borghi e natura incontaminata. Sulla strada puoi dormire in strutture convenzionate che permettono di effettuare una sosta rigenerante e scoprire con il tuo passo alcuni degli angoli più suggestivi della nostra regione.

fontina
Alcune forme di Fontina | Luigi Chiesa, CC BY 3.0 https://creativecommons.org/licenses/by/3.0, via Wikimedia Commons

Latte e formaggi

La Valle d’Aosta non è solo un bellissimo quadro impressionista. A settembre puoi scoprire tutti i prodotti della filiera casearia con la sua ricca varietà di sapori. Non perderti un assaggio della Fontina DOP, realizzato con mucche esclusivamente valdostane. Un “frutto” irripetibile di particolari condizioni e di antiche tecniche di produzione inimitabili. I caseifici e le aziende valdostane producono anche altri formaggi vaccini come le tome, il burro, il Seras, il Reblec. Sono diverse le piccole aziende agricole dove potrai assaporare e acquistare i formaggi più gustosi.

Ti potrebbe interessare anche...

Questo sito utilizza cookies anche di terze parti per migliorare la tua esperienza d'uso. Se prosegui la navigazione, riteniamo che tu sia d'accordo Accetto Voglio informarmi