Arte, cinema e architettura. Cosa fare a Venezia a settembre

di Paolo Ribichini

Eventi e mostre. In questo settembre 2021 Venezia sfoggia il suo abito più bello, dopo i lunghi mesi di lockdown. La città – che questa estate ha finalmente visto tornare i turisti anche stranieri – in questo mese concentra su di sé una serie di eventi e mostre da non perdere. Ecco cinque cose da fare nei prossimi 30 giorni.

1. Vedere un film in Laguna

È in corso e terminerà l’11 settembre la Mostra Internazionale del Cinema di Venezia. La Laguna si riempie di attori, registi e scenografi. In questa edizione vengono presentati i film di Paolo Sorrentino, Mario Martone, fratelli D’Innocenzo, Denis Villeneuve, Edgar Wright, Paul Schrader, Pablo Larrain, Pedro Almodovar, Ridley Scott. Insomma, un appuntamento imperdibile per gli amanti del cinema, per vedere una pellicola in anteprima, per ammirare un film che difficilmente troverà spazio in sala o semplicemente per strappare un autografo o un selfie al proprio attore preferito. Clicca qui per conoscere il calendario delle proiezioni aperte al pubblico.

venezia cinema
L’ingresso della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia | Photo by Riccardo Lo Re on Unsplash

2. Scoprire i segni dell’architettura alla Biennale

Per tutto il mese di settembre potrai visitare la Biennale dell’Architettura, edizione che è stata posticipata di un anno a causa dell’emergenza Covid-19. “In un contesto caratterizzato da divergenze politiche sempre più ampie e da disuguaglianze economiche sempre maggiori, chiediamo agli architetti di immaginare degli spazi nei quali vivere generosamente insieme”. È questo l’appello che Hashim Sarkis, curatore della Biennale d’Architettura, rivolto agli architetti che partecipano a questa edizione. Lo slogan di questa edizione è “How will we live together?” (“Come vivremo insieme?”): il mondo cambia e l’architettura deve cambiare con lui. La Mostra è ospitata dal Padiglione Centrale e dai Giardini, oltre che dall’Arsenale e da Forte Marghera. Clicca qui per acquistare il biglietto.

biennale architettura venezia
Ingresso del Padiglione centrale della Biennale di Venezia | Photo by Francesco Galli. Courtesy La Biennale di Venezia

3. Ammirare il “limite

Il limite. A lui è dedicata la videoinstallazione di Elisabetta Di Sopra che potrai ammirare per tutto il mese di settembre all’interno del Museo Archeologico in Piazza San Marco a Venezia. Tre monitor presentano in movimento il corpo nudo della modella ritratta dagli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Venezia. La modella “vivente” si distingue dagli altri modelli ‘non viventi’, cioè dai gessi, copie di opere d’arte del passato. E non ci sono realmente allievi: sono gli stessi spettatori che cercano di cogliere i dettagli del corpo umano.

Trailer del “Limite” di Elisabetta Di Sopra

4. Osservare i “sassi

Spazio Thetis ospita la mostra “Sassi” di Ivan Barlafante. L’artista torna a esporre a Venezia con un nuovo ciclo di opere attraverso le quali lo scultore scandaglia il rapporto con la natura, con il mito e con la storia. A disegni a carboncino si affianca un ciclo di cinque opere in cui il sasso – inteso come espressione del divino e testimonianza di eternità – viene frammentato, sezionato, e l’area del taglio è rivestita con una lamina in acciaio, una metafora delle sfaccettate dimensioni della natura e dello spirito.

venezia settembre
Canal Grande | Photo by Igor Oliyarnik on Unsplash

5. Scoprire Venezia sulle orme di Bruce Nauman

Potrai partecipare fino a fine settembre a “In and out. Estate con Bruce Nauman”, una serie di attività inedite che fanno da preludio alla mostra “Bruce Nauman: Contrapposto Studies”, che si terrà sempre a Venezia a gennaio 2022. Di seguito le date da segnare sul calendario. Il 9 settembre a Campo dei Tolentini, si terrà “Nauman in città”, con Daria Carmi. Si tratta di una serie di percorsi urbani sulle tracce di Bruce Nauman. Poi il 16 settembre a Punta della Dogana, si terrà “Soirée”, con Laura Colomban: una classe di Movimento a museo chiuso per interiorizzare la relazione tra movimento e spazio e rintracciare il “Contrapposto” all’interno e all’esterno del proprio corpo. Infine il 23 settembre (con replica il 30), sempre a Punta della Dogana, si terrà “Nauman Studies”, visite guidate per scoprire le opere esposte nella mostra “Bruce Nauman: Contrapposto Studies” attraverso chiavi di lettura tematiche quali il Gioco, l’Imitazione, l’Equilibrio e l’Isolamento. Clicca qui per maggiori informazioni.

Ti potrebbe interessare anche...

Questo sito utilizza cookies anche di terze parti per migliorare la tua esperienza d'uso. Se prosegui la navigazione, riteniamo che tu sia d'accordo Accetto Voglio informarmi