bronzi di riace
Home - Calabria - Cinquant’anni di Bronzi, tra mito e misteri

Cinquant’anni di Bronzi, tra mito e misteri

L'estate 2022 è il momento migliore per ammirarli. Ti spieghiamo perché

di Paolo Ribichini

Sono passati 50 anni dal ritrovamento dei Bronzi di Riace, lungo la costa della Calabria meridionale da alcuni sub. Alte quasi due metri e di una bellezza unica, giacevano sdraiate sul fondale, in gran parte ricoperte dalla sabbia. Oggi i famosi Bronzi si trovano nel Museo Archeologico di Reggio Calabria dove è possibile ammirarli in tutto il loro splendore.

I Bronzi, chi erano?

Chi siano i Bronzi di Riace rimane ancora un mistero. Forse guerrieri mitologici, sono diventati in brevissimo tempo simbolo della Magna Grecia, della Calabria, del Mediterraneo. Le statue risalgono al V secolo avanti Cristo e, secondo lo studioso Daniele Castrizio, appartenevano al gruppo statuario di Eteocle e Polinice, opera di Pitagora di Reggio, scultore celebrato nell’antichità dallo stesso Plinio il Vecchio, per la sua capacità di rendere come nessun altro i riccioli di barba e capelli, e per l’anatomia dei vasi sanguigni. Infatti, quello che sorprende guardando queste statue è la precisione dei dettagli, dai riccioli alle vene sotto pelle. Sono ora candidati come bene UNESCO, a distanza di cinquant’anni dal loro ritrovamento.

Come vedere i Bronzi?

I Bronzi sono custoditi in una speciale sala decontaminata del Museo Archeologico di Reggio Calabria che si trova alla fine del Corso cittadino in piazza Giuseppe De Nava. Il museo è aperto tutti i giorni dalle 9 di mattina alle 20 di sera. Il giovedì e il sabato l’orario è prolungato fino alle 23. Il costo del biglietto è di 8 euro, 2 euro per gli under 25, gratis per gli under 18. Dalle ore 20 il costo del biglietto ordinario è scontato a 3 euro. Di solito non ci sono file chilometriche di fronte al museo, mentre potresti dover attendere per entrare nella stanza dei Bronzi. Infatti, per motivi di conservazione, per accedere alla sala è necessario stazionare in un’anticamera di depurazione. E il numero delle persone ammesse contemporaneamente è contingentato.

bronzi di riace
I Bronzi circondati dai visitatori | Foto di Federico Neri per il Museo Archeologico di Reggio Calabria

Perché vedere i Bronzi di Riace ora?

Prima di tutto, vedere ora i Bronzi di Riace, ti consente di coniugare la tua passione per la cultura e l’arte con il piacere di trascorrere giornate intere al mare. D’altronde a pochi chilometri da Reggio Calabria (raggiungibili anche in treno) ci sono le bellissime spiagge di Scilla e della Costa Viola, oltre all’affascinante borgo marinaro di Chianalea. In secondo luogo, in questo periodo ci sono diverse iniziative correlate alla ricorrenza dei Bronzi. Tra queste anche una bellissima mostra fotografica curata da Luigi Spina che mette in risalto, grazie a una definizione elevatissima, dettagli dei due Bronzi. La mostra è allestita lungo la scalinata del Museo e dovrebbe rimanere fruibile al pubblico per circa un mese.

Come raggiungere Reggio Calabria?

Puoi raggiungere Reggio Calabria in treno o in aereo, oltre che ovviamente in auto. In treno sono diversi i treni Italo e Trenitalia che da Torino, da Milano e da Roma e Napoli, arrivano a Reggio Calabria. Consigliamo il treno solo per chi giunge dal centro-sud perché il viaggio dalle città del nord è piuttosto lungo. Da Torino, per esempio, si impiegano non meno di 11 ore. Dalla stazione di Reggio Calabria puoi raggiungere il Museo con un treno regionale diretto alla fermata Reggio Lido. La frequenza dei treni regionali è di 30 minuti o un’ora in base all’orario prescelto. L’alternativa, soprattutto per chi viene dal nord Italia, è l’aereo. I voli giornalieri non sono molti sull’aeroporto di Reggio. Sono previsti due voli al giorno da e per Milano e un volo da e per Roma (Ita Airways). Torino è collegato con un volo a settimana nel periodo estivo con vettori Blue Air. Un aeroporto decisamente più fornito è quello di Lamezia Terme, a circa un’ora e mezza d’auto o di treno a nord di Reggio Calabria. A Lamezia sono previsti voli da e per Bolzano, Bologna, Roma, Milano, Torino, Bergamo, Pisa, Brescia (provenienze aggiornate ad agosto 2022). Non consigliamo invece l’aeroporto di Catania soprattutto se si decide di non noleggiare un auto. Con l’auto, invece, si raggiunge Reggio (dopo aver attraversato lo Stretto) in più di due ore.

Ti potrebbe interessare anche...