Trevi in Umbria a maggio

Cinque cose da fare in Umbria a maggio

di Paolo Ribichini

Verde. Basta il colore per descriverla? Forse no. Perché l’Umbria è molto più di una regione ricca di foreste e uliveti. È una regione ricchissima di storia con borghi unici a pochi chilometri dal suo capoluogo: Perugia. Ti proponiamo cinque cose da fare nel mese di maggio nel centro geografico e cuore dell’Italia.

Scopri gli storici organi di Amelia

Organo amelia umbria
Dettaglio di un organo | Photo by Denny Müller on Unsplash

Gelosamente conservati nelle chiese più belle e famose di alcune città dell’Umbria, gli organi storici di Amelia sono vere e proprie opere d’arte. Mettiti in cammino all’insolita ricerca di questi magnifici strumenti musicali tipici della cultura umbra, lontano dalle mete più inflazionate. Tra i più preziosi c’è quello custodito nel Duomo di Amelia e quelli presenti nelle chiese di Avigliano Umbro, Collicello, Foce, Guardea, Toscolano e Giove. Una lunga tradizione musicale sottolineata dalla manifestazione “Il Maggio Organistico” che da oltre 40 anni organizza concerti nelle chiese del territorio dell’Umbria.

I musei riaprono, visitali

Rocca Albornoziana Perugia Umbria
Rocca Albornoziana, sede del Museo Nazionale del Ducato di Spoleto | Foto di Silvio sorcini, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Puoi finalmente tornare a godere dello straordinario patrimonio artistico e culturale custodito nei musei e nelle aree archeologiche dell’Umbria. Dopo l’emergenza Covid-19, a partire dal 27 aprile i musei hanno avviato le procedure di riapertura nel rispetto della normativa. Tutti i musei riapriranno i battenti entro la fine di questo mese. Già ora puoi visitare il Museo Archeologico Nazionale dell’Umbria, la Necropoli del Palazzone, l’Area Archeologica di Carsulae, il Museo Archeologico Nazionale e la Necropoli Etrusca di Crocifisso del Tufo di Orvieto, Il Museo Archeologico e il Teatro Romano di Spoleto, il Tempietto del Clitunno, il Museo Nazionale del Ducato di Spoleto, il Teatro Romano, l’Antiquarium e il Palazzo Ducale di Gubbio.

Per ulteriori informazioni sulle riaperture e sulle modalità di accesso, clicca qui.

Fai un picnic, con un panino “gourmet”

Porchetta umbra
Porchetta sul tagliere | Foto di Alessio Damato, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

Nei weekend di maggio, il sole riscalda e vien voglia di vivere all’aperto. Non c’è niente di meglio che stendere un telo su un prato e mangiare un buon panino. Chiaramente farcito con la migliore porchetta umbra. La tipica pietanza da street food, in Umbria è una specialità di Norcia, Bevagna e Costano (vicino ad Assisi), dove c’è anche il Museo della Porchetta. Se preparata a regola d’arte, ad ogni morso sentirai il profumo delle spezie, la sua tenerezza avvolta dalla croccante crosta. Dove acquistarla? In una norcineria o dal “porchettaro”, tipico chiosco itinerante presente negli angoli dei borghi, ai mercati contadini locali e alle sagre paesane. Per produrre la porchetta più buona, in Umbria si utilizzano maiali di piccola e media taglia. La carne viene farcita con erbe aromatiche e spezie e cotta in forni a legna per diverse ore.

Visita il Parco Vulcanologico di San Venanzo

San Venanzo Umbria
San Venanzo | Foto di LigaDue, CC BY-SA 4.0, attraverso Wikimedia Commons

Il Parco Vulcanologico di San Venanzo, non lontano da Marsciano, è un luogo dove, circa 265 mila anni fa, l’attività vulcanica di tre crateri modificò e disegnò l’attuale paesaggio. Il Parco Vulcanologico di San Venanzo è una vasta area protetta, una delle più suggestive del territorio di Terni. Qui si ritrovano intatti gli elementi di una storia ancestrale e tracce antropiche davvero uniche. Segui il percorso naturalistico che consente di ammirare fossili, conformazioni geologiche, rocce e minerali davvero rari: ad esempio, la storica eruzione del cratere ha generato la Venanzite, una roccia unica al mondo. Durante la tua passeggiata osserva le pietre, i minerali e i fossili, e prova a immaginare come si siano formati nel corso dei millenni. Il parco è aperto solo di domenica.

Per altre informazioni sul parco, clicca qui.

Scala una falesia (solo per veri sportivi)

Scalatore Falesia Umbria
Scalatore lungo una falesia | Photo by Patrick Hendry on Unsplash

L’Umbria offre agli scalatori spettacolari falesie da arrampicare. Se sei un amante del climbing, potrai divertirti e ammirare scenari magnifici. È un’esperienza adrenalinica con punti di vista esclusivi da cui ammirare l’emozionante natura dell’Umbria. Puoi scalare le Cave di Monte Cucco e le pareti di Ferentillo, oltre ad altri luoghi dove è possibile vivere anche esperienze speleologiche.

Clicca qui per ulteriori informazioni.

Mappa dei luoghi dell’articolo

Ti potrebbe interessare anche...

Questo sito utilizza cookies anche di terze parti per migliorare la tua esperienza d'uso. Se prosegui la navigazione, riteniamo che tu sia d'accordo Accetto Voglio informarmi