Palazzo Priori Perugia

Perugia, a piedi nella storia

di Paolo Ribichini

Perugia è una perla fuori dal tempo tra verdi colline e uliveti. Dal fascino decisamente medievale, è una città dagli scorci unici e dall’eleganza di un centro storico senza pari.

Quattro passi nel centro storico

Raggiungi la città alta dalla stazione ferroviaria utilizzando il futuristico MiniMetrò, a metà strada tra una funicolare e una metropolitana. Appena giungi sulla rocca, puoi perderti tra i vicoli e i negozi. Scendi dal MiniMetrò alla stazione Pincetto e inizia il tour della città affacciandoti dalla vicina terrazza del giardino Carducci. Goditi da qui, soprattutto in primavera, l’incredibile paesaggio: la città che si distende e si fonde con le dolci colline circostanti. Raggiungi il Giardino Carducci camminando su via Baglioni verso sud e supera Piazza Italia. Di fronte all’Hotel Brufani, che si trova sul lato opposto del perimetro del giardino Carducci ci sono alcune scale mobili che conducono alla Perugia sotterranea, un tuffo indietro nei secoli: una città sotto la città, dentro la Rocca Paolina. Da Piazza Italia percorri ora verso nord l’elegante Corso Vannucci che, in questo periodo, si riempie di tavolini di caffè e bar. Sulla sinistra c’è lo storico Teatro del Pavone.

Perugia sotterranea
Perugia sotterranea | Foto di travelspot da Pixabay

Fermati ad assaggiare qualche cioccolatino nei caffè lungo il Corso, poi raggiungi la pittoresca Piazza IV Novembre con la sua Fontana Maggiore, uno dei principali monumenti della città con più di 800 anni di storia. A sinistra sull’angolo c’è il medievale Palazzo dei Priori (sede municipale) con la Sala dei Notari. Dalle strade affollate e dalle piazze chiassose, prosegui ora tra suggestivi e silenziosi vicoli. Raggiungi via Maestà delle Volte, poi piazza Felice Cavallotti e via dei Baldeschi. Poche decine di metri più avanti un arco offre l’accesso al percorso pedonale che si snoda sul suggestivo acquedotto romano. Camminerai come sospeso tra le case di Perugia, in leggera discesa. Raggiungi così via Fabretti, nei pressi della sede dell’Università di Perugia.

Alla scoperta delle mura etrusche

Un altro percorso urbano che non puoi perderti è quello che si snoda intorno alla rocca del centro, alla scoperta di porte e mura etrusche, lungo le mura. Nei pressi dell’Università per gli stranieri di Perugia c’è una delle più mastodontiche porte di accesso alla vecchia città. Si tratta della Porta Etrusca del III secolo a.C. Cammina quindi lungo via Cesare Battisti, sfiorando le mura etrusche. Giunto a Piazza Morlacchi dopo una suggestiva (e un po’ faticosa) salita, continua per via del Verzaro fino alla Porta Trasimena, uno dei quattro ingressi minori della città, anche questo di origini etrusche. La Porta, modificata nel Medioevo, conserva ancora elementi antichi. Da qui iniziava la strada che conduceva al lago Trasimeno. Superata la porta lungo la stretta e pendente via dei Priori continua sempre in discesa per via della Sposa fino a viale Pellini. Scendi lungo la Scalinata della Canapina fino al punto di incrocio con le mura medievali. Poco più avanti c’è uno dei tratti meglio conservati delle mura difensive della città: le Mura della Cupa. Attraversa il Parco della Cuparella costeggiando le mura etrusche fino alla Porta Eburnea o della Mandorla. Proseguendo verso est, passerai al di sotto della terrazza del giardino Carducci. In via Marzia dove c’è ciò che resta dell’omonima porta, puoi percorrere un tratto sotterraneo che riemerge direttamente in Piazza Italia.

Arco etrusco perugia
Arco Etrusco di Perugia | Foto di Ciclista, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

Perugia nel piatto

Al termine di questi due tour a piedi per le strade di Perugia, lungo Corso Vannucci e nei pressi di Piazza IV Novembre ci sono una serie di ristoranti e locali potrai gustare piatti tipici, dagli strangozzi al ragù agli agnolotti al tartufo, dalle pappardelle alla norcina, alle cicerchie con salsicce Il tutto sempre condito con il pregiato olio extravergine d’oliva umbro. Ma per un pasto rapido anche in piedi, devi sapere che ci sono varie norcinerie in città dove acquistare prodotti locali come la porchetta, salame e il capocollo. Prodotti locali perfetti per un ottimo street food umbro.

Mappa degli itinerari dell’articolo

Ti potrebbe interessare anche...

Questo sito utilizza cookies anche di terze parti per migliorare la tua esperienza d'uso. Se prosegui la navigazione, riteniamo che tu sia d'accordo Accetto Voglio informarmi